Non risparmi abbastanza? Ecco i 3 motivi


Solo il 5,1% degli italiani dedica almeno 2 ore la settimana a controllare il proprio risparmio, pensare a come gestirlo o parlare con il proprio consulente. E il 94,9% delle persone avrà sicuramente pensato almeno una volta “dove ho speso tutti questi soldi?”.

Non controllare il proprio risparmio, i propri conti correnti è sicuramente l’azione più controproducente di chi vuole risparmiare per il futuro e raggiungere degli obiettivi economici.

In questo post ti voglio spiegare quali sono i 3 motivi per cui non risparmi a sufficienza per raggiungerli, e ti farò capire come modificare queste abitudini. Questo sempre che tu faccia parte del 94,9% delle persone che non è capace o semplicemente non controlla mai quanto spende!


Motivo n.1: pensi che risparmiare sia troppo difficile.

L’unica volta che controlli lo stato dei tuoi risparmi è quando arriva lo stipendio, o le provvigioni? Se non controlli mai per il resto del mese non avrai chiaro quale è la mole delle tue spese. Tantissime persone addirittura non sanno nemmeno cosa è il risparmio. Ti spiego in questo post in maniera semplice che cosa è: impara cosa è il risparmio.

finanza-efficace-risparmio

Ti dico la verità, anche io fino a qualche anno fa facevo lo stesso: poi ho provato a fare un test. Mi sono sforzato di segnarmi qualsiasi spesa facessi, dal semplice caffè al tagliando della macchina, dalle cene fuori alla spesa settimanale. Avere la costanza di segnare tutte le spese è uno sforzo davvero grande, e me ne sono reso conto quando la mia testa diceva “ ma si, tanto mi ricordo quanto ho speso”.

Questo comportamento in finanza viene definito calcolo mentale: i calcoli mentali sono la rovina di chi vuole pianificare il proprio futuro.


Motivo n. 2: pensi che gli obiettivi che vuoi raggiungere economicamente siano troppo lontani, e non te ne preoccupi ora.

Prendiamo per esempio le vacanze. Ti è capitato di cominciare a Gennaio a pensare alle tue vacanze estive e di dire “da oggi risparmio per le vacanze”. E puntualmente ti ritrovi a Luglio avendo speso tutto quello che ti eri prefissato.

Come ha detto in un suo discorso il professore della UCLA Shlomo Benartzi immagina di dover decidere cosa mangiare a colazione esattamente tra una settimana, alle 7 di mattina, tra una banana e del cioccolato. Il 90% delle persone a cui è stato chiesto ha risposto subito banana.

Tornando sullo stesso sondaggio una settimana dopo, la domanda è diventata: “ cosa mangeresti ora per colazione?”. Praticamente la totalità degli intervistati ha risposto cioccolato.

Con questo capisci come tutti abbiamo dei buoni propositi per il futuro, ma non li mettiamo in atto quandfinanza-efficace-risparmioo è il momento nella maggior parte dei casi. Il caso più sotto gli occhi di tutti quando si parla di risparmio in questo caso è la pensione.

Tutti dicono che chi ha meno di 40 anni non avrà una pensione dignitosa, dovrà rinunciare al proprio stile di vita, e le condizioni saranno complicate. Allo stesso tempo però solo una piccola parte di queste persone ha fatto qualcosa per modificare questa situazione.


Motivo n. 3: non hai pensato seriamente al motivo per cui vuoi risparmiare.

Molte persone mettono da parte il denaro semplicemente perché non sanno come spenderlo, altre lo spendono tutto perché non hanno la capacità di pensare al futuro. Se si ragiona impulsivamente non si avrà nessun effetto sui propri risparmi.

Per fare in modo che si possa avere un giusto risparmio bisogna avere prima chiaro come fare: pianificare i propri obiettivi è sicuramente la prima azione da mettere in atto. Senza un obiettivo non ci sarà azione. Quali sono gli obiettivi principali nella vita di una persona per cui è necessario risparmio? La salute, la sicurezza della propria famiglia ed il futuro.


Queste sono 3 motivazioni che probabilmente hanno spinto anche te a risparmiare poco o male.

Come si può cercare di modificare queste abitudini?

Primo punto: tieni traccia di ogni tua spesa.

Come ti ho già spiegato, ho testato personalmente anni fa cosa significa monitorare ogni singola spesa. Il primo mese dopo l’inizio di questa nuova abitudine sono rimasto di stucco vedendo quanto spendevo, e non me ne rendevo conto.

Dopo di che continuando a segnare ogni uscita di denaro dal mio portafoglio, solo per il fatto di monitorare queste spese le ho viste decisamente diminuire. Sapere esattamente quanto si sta spendendo fa sì che i calcoli mentali non ci facciano sbagliare, e ci mantiene sulla retta via del risparmio.

Ti consiglio di cominciare subito a segnare tutte le tue spese: per esperienza so che farlo su fogli di carta non sarà una pratica che durerà molto perché rischierai di perderli, di non averli sempre a disposizione oppure di confondere i giorni.

La tecnologia ci dà una grande mano in questo: lo smartphone è lo strumento che utilizziamo di più tutti i giorni, e questo può davvero essere utile per il nostro scopo. Ogni volta che effettuerai una spesa la potrai registrare, ed avere subito una panoramica sulle tue spese mensili.

finanza-efficace-risparmio1

Per farlo basta scaricare un'app: ne ho personalmente provate varie e penso che queste due siano davvero le migliori:

Entrambe in italiano, ti permettono di definire prima un budget: pensa a quanto potrebbero essere le tue spese per il mese in varie categorie (casa, spesa, auto,ecc) e poi controlla se riesci a mantenere le tue promesse!

Secondo punto: definisci cosa vuoi ottenere.

Una volta che avrai visto grazie alle app quanto spendi, ti accorgerai che è troppo anche per le tue tasche. Ma risparmiare soldi senza uno scopo non è una buona scelta, perché si rischia di rinunciare a qualcosa a cui si tiene.

Quello che ti consiglio è quindi di definire nel dettaglio quali obiettivi vuoi raggiungere da oggi ai prossimi 3 anni: possono essere il cambio dell’auto, l’acquisto della casa, una vacanza, ecc.

Dal più piccolo al più grande desiderio, fai una lista dei 5 più importanti. Ognuno di questi avrà un peso differente, perché risparmiare per comprare casa non è certo come farlo per uscire a mangiare.

Avere scritto un obiettivo però ti farà capire quanta strada ti manca per raggiungerlo.

Ho scritto una guida di poche pagine in cui ti spiego come definire questi obiettivi, se pensi di non sapere come fare leggi l'ebook gratuito.

Spero questo post ti sia stato utile, e spero potrà aiutarti a mettere in atto un nuovo modo di pensare al risparmio!

Alla prossima!

Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *