Cosa è il conto corrente: tutto quello che devi sapere


Il conto corrente rappresenta per molte persone l’inizio del rapporto con una banca.

Infatti è il mezzo attraverso il quale puoi depositare i tuoi risparmi.

Perché esiste il conto corrente? Per due motivi principali.

  1. Perché ti permette di non dover tenere denaro sotto forma di banconote e monete a casa o con te, che è un rischio molto elevato in quanto può essere perso, derubato o può rovinarsi col tempo perdendo la propria utilità.
  2. Ti permette di usare tutti i servizi di pagamento che la banca propone per poter rendere la vita di tutti i giorni più veloce e semplice.

Prova a pensare come faresti se non esistessero il bancomat, la carta di credito o i bonifici.

Il conto corrente è un deposito: decidi di fidarti di una banca depositando i tuoi risparmi, ed in cambio la banca si propone di custodirteli, e darti la loro totale disponibilità ogni volta che tu vorrai.

I soldi che depositi sono uno degli elementi fondamentali per la sopravvivenza della banca e per il suo business: ti spiego tutto in questo articolo.

Fino a pochi anni fa quando decidevi di depositare il tuo denaro in un conto corrente ti veniva riconosciuto un premio per aver prestato denaro alla banca. Questo premio consisteva in una percentuale di tasso di interesse, riconosciuta sulla somma che depositavi.

Questo era possibile grazie al valore dei tassi di interesse ai quali le banche si scambiavano denaro, valori che oggi sono solo un ricordo.

Ti spiego tutto quello che devi sapere sui tassi di interesse qui.

Il conto corrente ti permette di tenere sotto controllo le tue spese: ricevi infatti periodicamente un documento, l’estratto conto, in cui sono indicate tutte le spese e tutte le entrate registrate sul tuo conto.

Oltre a questo ti permette di poter ricevere e pagare attraverso denaro virtuale: attraverso i bonifici.

Un bonifico è un pagamento virtuale che prevede il trasferimento di denaro tra due conti correnti, senza che vi sia passaggio di denaro fisico. L’utilizzo di questo strumento di pagamento velocizza tantissimo molte operazioni che altrimenti prevedrebbero giorni, perché ti permette di scambiare denaro anche con persone lontane.

E’ anche più veloce di un assegno: un altro strumento di pagamento attraverso il quale puoi consegnare un documento firmato valido come uno scambio di denaro.

Come ti ho detto prima il conto corrente in questi tempi non dà più un premio se decidi di depositare i tuoi risparmi in una banca, ma quali costi ci sono?

Ci sono molte tipologie di conto corrente in base alla frequenza ed al modo in cui lo utilizzi, ed in generale diverse tipologie di costo in base alla banca in cui decidi di depositare denaro.

Può essere previsto un canone mensile, un costo che sostieni ogni mese per poter depositare i tuoi soldi e usufruire dei servizi del conto corrente.

Questo canone solitamente comprende servizi come: l’invio dell’estratto conto al tuo domicilio, la possibilità di avere una carta bancomat (lo strumento attraverso il quale puoi prelevare contanti dal tuo conto), la possibilità di utilizzare i servizi online.

C’è poi una spesa comune a tutti i tipi di conto corrente, che è una “tassa” che tutti dobbiamo pagare:

  • l’imposta di bollo: se il conto corrente ha al suo interno più di 5.000€ in media all’anno subirà un costo di 34,20€.
  • se hai aperto un dossier titoli, ovvero il “contenitore” nel quale sono custodite le posizioni di investimento, allora dovrai pagare un importo di 0,2% sul totale del deposito.

Il conto corrente è il primo passo nel lungo percorso per cominciare a gestire il tuo risparmio in modo efficace, percorso che puoi scoprire leggendo la guida gratuita “Il percorso nel risparmio”.

Spero ti siano state utili queste informazioni, alla prossima!

Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *