Cosa significa “bruciati miliardi in borsa”


Spesso al Tg si sentono notizie come questa.

Bruciati miliardi in Borsa, è la notizia che ti fa saltare sulla sedia.

No, non c’è bisogno di chiamare i pompieri, e ti spiego perché.

Nulla sta andando a fuoco, ma ti voglio raccontare una cosa: in uno dei miei incontri con persone che necessitano di consulenza finanziaria, mi è capitato di incontrare un distinto signore molto scettico riguardo il mercato finanziario.

Tutto normale dirai, se non che arrivati ad un certo punto mi dice: “io non capisco questi finanzieri che bruciano denaro quando le cose vanno male”.

 

Non ci potevo credere.

Questo è quello che succede quando siamo abbiamo troppe notizie dai Tg che cercano di rendere tragica qualsiasi informazione.

Premessa: la Borsa è il luogo dove si scambiano strumenti finanziari, che possono essere azioni, obbligazioni, merci, ecc.

Il “problema” che le persone che partecipano agli scambi di borsa hanno tutti i giorni è quello di decidere a quale prezzo scambiarsi questi titoli.

Facciamo un esempio per capire meglio.

  • Sei proprietario di una casa e hai deciso di venderla.

Ci sono molte persone disposte a comprare la tua casa, dato che tu sei l’unico nella zona che vuole venderne una.

Cosa fai?

vendita-casa-domanda-offertaPer decidere a chi vendere il tuo immobile decidi di aumentare il prezzo, cercando di vendere al prezzo più alto e conveniente per te.

Punto 1: se ci sono più compratori che venditori il prezzo del bene sale.

Tieni bene a mente questo concetto, è importante per capire cosa significa che sono bruciati miliardi in Borsa. Continua a leggere.

  • All’improvviso però scoppia la crisi, non c’è più il lavoro di una volta, e tutte le persone disposte a comprare casa rinunciano.

Ti rtirovi tu, venditore di casa, da solo,senza nessun acquirente.

Cosa fai?

Hai necessità di vendere la tua casa perché ti devi trasferire, quindi decidi di abbassare il prezzo per attirare nuovi compratori, disposti ad acquistare a prezzo più basso.

 

vendere-casa-domanda

Punto 2. Se i compratori sono meno dei venditori di beni, il prezzo di questi scende.

La Borsa funziona così.

Le motivazioni che spingono le persone ad essere compratori e venditori sono le più svariate ma alla base c’è la legge della domanda/offerta.

Quando c’è qualcuno disposto a vendere, ci sarà sempre qualcuno disposto a comprare, dipenderà semplicemente a quale prezzo verrà fatta l’operazione.

Quindi cosa vuol dire quando al tg senti “bruciati 100 miliardi in una seduta di borsa”?

Assolutamente nulla.

E’ solamente un modo utilizzato dai Media per farti terrorizzare, e per divulgare il panico tra gli investitori.

Quando in una giornata ci sono notizie negative per il mercato finanziario, come per esempio la crescita di un paese sotto le aspettative, ci sarà una situazione in cui più investitori vogliono vendere perché pensano che i prezzi di un determinato bene scenderanno.

Se non trovano altrettanti compratori il prezzo dei loro beni scenderà, provocando il famoso segno rosso della borsa.

Hai capito cosa succede in borsa?

Nulla si crea, nulla si distrugge: non vengono bruciati miliardi in borsa nelle giornate negative, e non c’è nuovo denaro che cade dagli alberi quando ci sono le giornate positive.

Cambiano semplicemente i prezzi, ma ricorda: quando c’è uno scambio in borsa è perché ci sono un venditore ed un compratore.

Ricapitolando.

Se ci sono più venditori che compratori il prezzo scende.

Se ci sono più compratori che venditori il prezzo sale.

Le giornate che finiscono con “ bruciati miliardi in borsa” ti riguardano molto da vicino e riguardano i tuoi risparmi se non hai pianificato nel modo corretto il tuo futuro finanziario.

Ti è piaciuto il post?

Se vuoi rendere qualcuno più tranquillo quando sente queste notizie ti basta fare un click qui sotto!

Continua a imparare qualcosa di più sugli investimenti, leggi cosa sapere per fare il tuo primo investimento.

Alla prossima.

Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *